Fabio Di Paola

Oak Island: fine di una stagione, si prepara la prossima

6 giugno 2018 TV 0

Anche quest’anno – almeno qui in Italia – è terminata su Sky/History Channel la stagione di “Oak Island e il tesoro maledetto” . Eravamo ormai alla quinta stagione (con 16 episodi)  ed ho perso il conto delle buche e dei pozzi che hanno scavato: non si può dire che risparmino gli sforzi (ed il budget) ; scavare con una ruspa è ormai passato di moda e vengono usati i macchinari più avanzati ed imponenti .

Il risultato però è sempre lo stesso o quasi : nulla o poco più.

Sono stati ritrovati due frammenti di osso che dovrebbero essere umani, una croce di piombo, una pietra semi-preziosa e frammenti di materiale non meglio identificati. Come al solito abbiamo  ondeggiato, puntata dopo puntata, fra spiegazioni ed ipotesi lontane fra loro si chi ha o avrebbe scavato il pozzo: i templari (questo è un must che ritorna spesso), i pirati (il tesoro dei pirati è un classico!), i monarchici francesi che hanno portato in salvo i gioielli della corona durante la rivoluzione francese ed altre cose simili. Peccato che queste ipotesi cozzano fra loro, se sono stati i templari non possono essere stati i pirati e così via: a questo nessuno fa caso e le ipotesi si accumulano una dopo l’altra. Ma forse anche questo fa parte del bello di questa serie.

La croce di Oak IslandParliamo anche della croce in piombo che hanno ritrovato in spiaggia: senz’altro interessante e probabilmente antica ma, giusto per avere dei fatti concreti, non è stata condotta nessuna analisi. Ad un certo punto un’esperta dei templari (?) ha avanzato l’ipotesi che in realtà questo tipo di oggetti fosse usato per contrabbandare oro: secondo questa teoria la croce sarebbe d’oro successivamente ricoperto in piombo per nasconderne il reale valore e quindi poterla trafugare.
Mi aspettavo, secondo logica, che dopo questa rivelazione tentassero di capire se veramente fosse d’oro: bastava grattare un po’ il piombo oppure tagliarne un pezzetto o, meglio ancora, fare qualche tipo di indagine non distruttiva. Invece nulla di tutto questo , meglio lasciar cadere l’argomento: metti che avessero scoperto che di oro non c’è nulla ?

 

Vogliamo invece parlare dell’ultima immersione di un sub professionista in un pozzo ? Anche questa volta si è ottenuto il solito risultato: nulla. Immergendosi nel pozzo la visibilità arriva presto a zero per causa del fango in sospensione e tutto quello che può fare il sub è andare letteralmente a tentoni.

Eppure insistono a mandar giù dei subacquei.

Si potrebbe continuare a citare casi di questo tipo ma il succo è sempre lo stesso, cercano, cercano ma il tesoro lo trovano la prossima volta. Eppure io, come credo altri, continuo a seguire la serie . E’ fatta bene (per il suo genere) , è divertente (non la devi prendere sul serio) e comunque ha un suo fascino collegato alla ricerca del tesoro .

Vorrei solo fare un’ultima considerazione: stando a Wikipedia Oak Island ha una superficie di 0,57 chilometri quadrati . Provate a pensare a delimitare una superficie equivalente da qualche parte vicino a casa vostra e cominciare a scavare come disperati o a passarla palmo a palmo con un metal detector. Non credete che trovereste prima o poi dei manufatti antichi di qualche tipo ? Anche vicino a casa vostra sono passati i templari?

 

Per concludere un paio di notizie:

Fratelli Lagina

  • – uno dei fratelli Lagina, Marty, parteciperà ad altre serie di History Channel sempre incentrate sulla caccia a tesori nascosti : pare che sia già iniziata la caccia al tesoro perso dai Sudisti alla fine della guerra civile americana e non poteva farselo sfuggire!
  • – la stagione sei di “Oak Island e il tesoro maledetto” è già in preparazione e quindi a breve rivedremo i fratelli Lagina intenti a scavare o far scavare nuove buche !

 

 

 

 

 

 

Oak Island

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *