Fabio Di Paola

Bene ma non benissimo

13 settembre 2017 Domino Eventi 0
Lotus Notes Domino

Tempo addietro avevo commentato con soddisfazione il fatto che IBM avesse organizzato il Domino Tour , un roadshow itinerante per parlare dello stato dell’arte,delle novità di Domino e del futuro della piattaforma.
Soddisfazione perchè era da tempo che si sentiva la necessità di fare il punto su Domino e Notes e vedere quale sia il futuro della piattaforma, soprattutto per fugare le voci ricorrenti sulla sua morte (a dire la verità queste voci ci sono da parecchi anni e sono sempre state smentite dai fatti cioè dalle nuove versioni e dai nuovi sviluppi).
Oggi finalmente è arrivato il giorno della tappa milanese al forum di IBM Segrate e naturalmente ho partecipato.

Partiamo dalle note positive: è stato rafforzato il messaggio “Domino non muore ma continua ad evolversi” . Sono state annunciate alcune novità come la disponibilità di una licenza free per Domino server dedicato agli sviluppatori o all’ambiente accademico; e’ in arrivo una nuova forma di cloud per gli applicativi Domino.

Mi è piaciuto il paragone ricorrente tra Domino ed i mattoncini Lego : come coi Lego e’ possibile assemblare cose diverse usando i pezzi secondo le necessità così con Domino è possibile utilizzare ed assemblare le features disponibile per creare quello che ci serve.

Ma essendo io un brontolone ora mi sto chiedendo :

se un evento si intitola “Domino in Tour” perché mi parli di altri prodotti per quasi un’ora?
Io partecipo in quanto Domino e Notes sono le piattaforme su cui lavoro abitualmente e (ovviamente) voglio essere aggiornato su queste tecnologie e sul loro futuro.
Questa parte è stata trattata ma poteva e doveva essere approfondita meglio invece di parlarmi di Pink.

Novità come la licenza Free di Domino per sviluppatori o l’application Cloud sono ben importanti, l’annuncio fra le righe di prossime versioni è fondamentale.
Il messaggio “Domino non è morto ma continuerà ad evolversi” è essenziale!

Perché non approfondire questi argomenti dedicandogli più tempo , specialmente ad uso e consumo dei clienti finali, invece che spendere tempo a parlare di Connections, Watson e Pink? Non sono questi i prodotti per cui ho partecipato a questa sessione, non sono questi gli argomenti che erano stati annunciati.

Esco abbastanza soddisfatto ma con qualche riserva ma d’altronde non si può avere tutto… o no?